Obbligo di comunicazione del Domicilio Digitale.

15 settembre 2020

 

Il recente “Decreto semplificazioni” (DL 76/2020), con l’obiettivo di favorire l’utilizzo della posta elettronica certificata nei rapporti fra Amministrazione, imprese e professionisti nel rispetto della disciplina europea, ha raddoppiato/triplicato le sanzioni a carico delle imprese che:

  • non hanno mai comunicato il proprio indirizzo di posta elettronica certificata (ora dominato “domicilio digitale”) al Registro Imprese;
  • hanno comunicato un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) nel frattempo scaduto o non più valido.

Tali sanzioni verranno comminate a tutte le imprese che non regolarizzano la propria posizione entro il prossimo 1° ottobre 2020.

Pertanto gli importi delle sanzioni sono definiti tra un minimo di 206 a un massimo di 2.064 euro per le società e da un minimo di 30 euro a un massimo di 1.548 euro per le imprese individuali.

Se nel corso della vita dell’impresa il domicilio digitale diventa inattivo, perché non è stato rinnovato il servizio con il gestore, il conservatore del registro delle imprese cancella d’ufficio l’indirizzo e procede con l’applicazione della sanzione e dell’assegnazione d’ufficio di un nuovo indirizzo pienamente operativo tramite il "Cassetto digitale dell’imprenditore" erogato dalle Camere di commercio all’indirizzo impresa.italia.it, ma per la sola ricezione dei documenti.  

Il domicilio digitale assumerà sempre maggiore importanza ed utilizzo per la notifica, a qualsiasi effetto di legge, di documenti ed atti provenienti dalla pubblica amministrazione.

Termini per adempiere 

Le imprese che non hanno iscritto nel registro delle imprese un domicilio digitale regolarmente attivo e funzionante dovranno provvedere al riguardo, acquisendo tale servizio dai certificatori Agid.

Il termine per adempiere è il prossimo 1° ottobre 2020.

Si invitano i clienti a verificare che il proprio indirizzo PEC sia attivo e sia stato regolarmente comunicato al registro imprese.

Il Cassetto digitale dell’imprenditore

Attraverso il “Cassetto digitale dell’imprenditore” è possibile accedere ed ottenere gratuitamente tutti i documenti e le informazioni disponibili al registro imprese della camera di commercio, relativi alla propria impresa o società.

L’accesso al “Cassetto digitale dell’imprenditore” è possibile solo con CNS/Token wireless (smart-card) o con SPID (identità digitale).

Si invitano i Clienti a prendere contatti con lo Studio per procedere alla richiesta della smart-card o dello SPID. 

*****

Lo Studio è a disposizione per fornire tutta la necessaria assistenza.

Archivio news

 

News dello studio

set22

22/09/2021

IVA 5% sui beni “Covid”

Con la risposta a interpello n. 585/2021 l’Agenzia delle Entrate torna ad approfondire il trattamento Iva  dei beni “Covid” come previsto dall’articolo 124 del DL Rilancio

set16

16/09/2021

SPID, CIE e CNS obbligatori per l’accesso ai servizi on line del Fisco e aiuti alle imprese

Si ricorda che dal 1° ottobre 2021 l’accesso dei cittadini ai servizi on line dell’Agenzia delle Entrate e di Agenzia Entrate-Riscossione potrà avvenire esclusivamente con SPID,

set10

10/09/2021

Iva errata in fattura

Dal principio di interpretazione n. 2/IVA curato dal Comitato Scientifico del Modulo 24 IVA si evince che nei casi di errata fatturazione, con applicazione dell’IVA in misura superiore a quella

News

set20

20/09/2021

Gli studi professionali al test della corretta gestione amministrativo-contabile

La corretta gestione amministrativo-contabile

set23

23/09/2021

Dal 27 settembre è attivo il nuovo “sportello online”

Dal 27 settembre 2021 prende il via il

set23

23/09/2021

Green pass sui luoghi di lavoro: quali sanzioni rischiano datori di lavoro e lavoratori

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto